6 Ville Venete da visitare almeno una volta nella vita

523

Cerchi un’idea per una gita fuori porta durante il weekend? Se ami l’architettura (soprattutto quella palladiana!), i grandi giardini e l’arte, visitare una Villa Veneta può fare proprio al caso tuo.

Le opzioni sono veramente tantissime e si diramano in tutte le provincie della Regione. In questo articolo ne abbiamo selezionate sei, che ti faranno innamorare e venire voglia di scoprire tutte le altre!

La Rotonda – Vicenza (VI)

Questa villa palladiana – la più celebre – è parte del Patrimonio UNESCO dal 1994, insieme all’intera città di Vicenza e a tutte le altre ville progettate da Palladio in Veneto. Il suo nome completo è Villa Almerico Capra Valmarana, in onore dei proprietari che si sono succeduti a partire dal 1567.

È tutt’ora abitata dalla famiglia Valmarana, ma sono visitabili gli interni al piano nobile – ricchi di affreschi e sculture – e il giardino.

Via della Rotonda, 45, 36100 Vicenza (VI) | Sito ufficiale

Villa dei Vescovi – Torreglia (PD)

Questa dimora cinquecentesca si trova nel cuore dei Colli Euganei, nel mezzo di una distesa di vigneti, tra i quali è possibile passeggiare. Nata come circolo intellettuale, è stata progettata con gusto classico ed echi rinascimentali romani, per poi trasformarsi grazie ai successivi interventi in epoche diverse. Il nome deriva dalla sua storia: è stata infatti per moltissimo tempo di proprietà dei vescovi di Padova.

Via dei Vescovi, 4, 35038 Torreglia (PD) | Sito ufficiale

Villa Pisani – Stra (VE)

La “Regina delle ville venete” si trova lungo la Riviera del Brenta con le sue 114 stanze, dove nei secoli hanno dormito dogi, re e imperatori. Nella sala da ballo campeggia il maestoso affresco “Gloria della famiglia Pisani” di Giambattista Tiepolo, uno dei tanti celebri capolavori che è possibile ammirare tra le sue mura.

All’interno del grande giardino è possibile visitare l’orangerie e perdersi nel famosissimo labirinto, al momento chiuso per lavori di manutenzione.

Via Doge Pisani, 7, 30039 Stra (VE) – Sito ufficiale

Villa Emo – Fanzolo di Vedelago (TV)

Questa maestosa proprietà citata nel trattato di Palladio I Quattro Libri dell’Architettura conserva tutt’ora i suoi confini originali; include oltre alla dimora palladiana un giardino alberato decorato con statue, una zona agricola e Borgo Brolo, una duplice schiera di abitazioni rustiche.

Il nome potrebbe confondere con Villa Emo Capodilista, in provincia di Padova: anche questo palazzo cinquecentesco è visitabile, su prenotazione.

Via Stazione, 5, 31050 Fanzolo (TV) | Sito ufficiale

La Malcontenta – Mira (VE)

Il vero nome di questa struttura progettata da Andrea Palladio è Villa Foscari, in onore dei suoi committenti Nicolò e Alvise Foscari, appartenenti a una delle più potenti famiglie della Repubblica di Venezia. Non è chiaro perché la si chiami “la Malcontenta”: c’è chi dice che sia per il malcontento degli abitanti di Padova per la costruzione del Naviglio del Brenta, chi invece che sia un riferimento alla nobildonna Elisabetta Dolfin, che qui espiava le proprie colpe.

La villa veneta merita una visita – oltre che per la sua architettura – anche per gli interni affrescati e per il giardino ottocentesco.

Via dei Turisti, 30034 Mira (VE) | Sito ufficiale

Villa Contarini – Piazzola sul Brenta (PD)

40 ettari di parco, affreschi spettacolari, trompe-l’œil e stucchi sontuosi: Villa Contarini è una delle dimore più conosciute di tutta la regione. La “reggia” di Piazzola era alla sua costruzione (nel Cinquecento) una delle residenze più vaste d’Europa. Nel Seicento fu ulteriormente arricchita, per divenire un luogo ambito per la nobiltà veneziana.

Ogni sala della villa è unica, come la sua storia.

Via L. Camerini, 1, 35016 Piazzola sul Brenta (PD) | Sito ufficiale

In copertina: Villa Almerico Capra da iStock | Flavio Vallenari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close