Asparagi: un mondo di gusto da scoprire

491

Gli asparagi sono uno degli ortaggi più amati e versatili della primavera, grazie al loro sapore delicato e inconfondibile.

Si possono trovare in diverse varietà, che si distinguono per colore (principalmente bianco e verde), forma e sapore. In Italia esistono cinque eccellenze che grazie alle loro specificità hanno ottenuto il riconoscimento DOP o IGP:

  • l’Asparago Bianco di Bassano DOP (Veneto), dalla forma tozza con la punta arrotondata, con un gusto dolce e amaro al tempo stesso;
  • l’Asparago di Badoere IGP (Veneto), bianco – dolce e privo di fibrosità – o verde – fruttato e dal salore erbaceo;
  • l’Asparago di Cantello IGP (Lombardia), bianco e dalla consistenza tenera: il suo sapore dolce lo rende ottimo anche crudo;
  • l’Asparago Bianco di Cimadolmo IGP (Veneto), bianco e privo di fibrosità, perfetto per i ripieni;
  • l’Asparago Verde di Altedo IGP (Emilia Romagna), tenero e dal gusto deciso.

Queste varietà non sono ovviamente le uniche: il Nord Italia offre tantissime tipologie gustose da provare. Possiamo citare l’asparago violetto di Albenga (Liguria), l’asparago rosa di Nogaredo al Torre (FVG), l’asparago di Cilavegna (Lombardia), l’asparago verde di Altedo (Emilia Romagna) o l’asparago verde di Cordenons (FVG).

A quale vino abbinare gli asparagi?

Un aspetto importante da considerare in cucina è il vino da accompagnare. Gli asparagi hanno un sapore delicato ma anche amarognolo, diverso da varietà a varietà, che può rappresentare spesso una sfida nell’abbinamento.

Per evitare problemi, solitamente è consigliabile scegliere vini bianchi freschi e aromatici, come il Pinot Grigio, il Sauvignon o il Verdicchio. Se l’asparago è l’ingrediente di un primo piatto che include anche formaggio (ad esempio le lasagne), puoi dirigerti invece verso una bollicina, come un Trentodoc o un Prosecco, rigorosamente brut. Se devi scegliere il vino più adatto a un secondo a base di asparagi, puoi osare anche su un rosso dal corpo leggero, come un sangiovese.

Come usare gli asparagi bianchi e verdi in cucina

Gli asparagi si prestano a tante ricette, sia semplici che elaborate. Si possono consumare crudi (solo determinate varietà), cotti al vapore, bolliti, grigliati, fritti o al forno. Si abbinano bene con le uova, il formaggio, il prosciutto e la carne. Si possono usare per preparare primi piatti, contorni, antipasti e insalate.

Per quanto riguarda le ricette, ce ne sono davvero per tutti i gusti e affondano le loro radici nella tradizione di tanti territori diversi.

In generale è bene ricordare che gli asparagi bianchi sono più teneri e dolci degli asparagi verdi, che hanno un sapore più intenso e erbaceo.

Gli asparagi bianchi si prestano bene a essere serviti con una salsa delicata, come la salsa olandese: un’idea semplice per un antipasto elegante e d’effetto. Gli asparagi verdi sono ottimi invece anche da grigliare o saltare in padella.

E le ricette? Dalle lasagne alle frittate, dalle torte salate agli arrosti, hai solo l’imbarazzo della scelta.

Cerchi un’idea interessante? Prova le nostre farfalle con asparagi, salmone e pistacchio: un primo piatto diverso dal solito, perfetto per le tue occasioni speciali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close