Curare le piante mentre si è in vacanza: alcuni consigli

581

Se hai il pollice verde e temi di lasciare le tue amate piante incustodite durante le vacanze estive, non preoccuparti! Ci sono molti modi per prendersene cura piante mentre sei via, assicurandoti che rimangano sane e vitali fino al tuo ritorno a casa. In questo articolo, ti diamo alcuni preziosi consigli su come prenderti cura delle piante e dei fiori del tuo balcone durante le (meritate) vacanze.

1. Preparazione prima della partenza

Prima di partire prendi alcuni provvedimenti per garantire che le tue piante siano ben preparate per la tua assenza.

Innaffiatura abbondante

Assicurati di annaffiare abbondantemente le piante prima di partire. In questo modo, il terreno conserverà più umidità, aiutandole a resistere per un po’ di tempo senza ulteriori annaffiature. Ricordati di aggiungere l’acqua al sottovaso e di non “annegare” il terreno!

Trapianto temporaneo

Se hai piante in vaso, considera l’opzione di trapiantarle in contenitori più grandi temporaneamente. Questi manterranno più umidità e forniranno alle radici più spazio per crescere, riducendo così la frequenza delle annaffiature necessarie durante la tua assenza.

Posizionamento ombreggiato

Sposta le piante più sensibili alla luce solare (ad esempio le erbe aromatiche) in un’area ombreggiata. L’esposizione diretta al sole può causare l’evaporazione dell’acqua dal terreno più rapidamente, mettendone a rischio la salute e “bruciando” le foglie nelle giornate più calde.

2. Sistemi di irrigazione automatica

Un modo efficace per garantire alle piante l’acqua necessaria mentre sei in vacanza è utilizzare dei sistemi di irrigazione automatica, più o meno professionali.

Gocciolatori o irrigatori a scomparsa

I gocciolatori o gli irrigatori a scomparsa sono una soluzione pratica per l’irrigazione automatica. Collega questi sistemi a un timer e regola la frequenza e la durata dell’irrigazione in base alle esigenze delle tue piante. Alcuni modelli permettono anche il controllo in remoto!

Bottiglie d’acqua riciclate

Un metodo più economico (e fai da te!) è quello di utilizzare delle bottiglie di plastica per fornire acqua alle piante. Riempi la bottiglia e pratica un piccolissimo foro sul tappo, con uno spillo, piantala quindi a testa in giù sul terreno: l’acqua verrà rilasciata gradualmente mantenendo l’umidità.

Bacinella di evaporazione

Metti una bacinella piena d’acqua vicino alle piante prima di partire: l’evaporazione naturale fornirà un po’ di umidità extra all’ambiente circostante, aiutandole a sopravvivere durante la tua assenza. Questa azione è particolarmente importante nel caso di piante grasse o tropicali.

3. Coinvolgi un vicino o un amico

Se hai un vicino, un parente o un amico di fiducia che rimane a casa durante la tua assenza, puoi chiedere loro di prendersi cura delle tue piante. Questo è sicuramente il modo più facile!

Non solo le tue piantine saranno sempre curate ma, in caso di emergenza, il tuo “giardiniere delle vacanze” potrà chiamarti per un consiglio o per avvisarti di eventuali problematiche (un temporale o la presenza di insetti infestanti).

Come ringraziare? Ovviamente con un souvenir dalle vacanze!

Con questi consigli, puoi goderti pienamente le tue vacanze senza preoccuparti del benessere delle tue piante. Che tu scelga di utilizzare sistemi di irrigazione automatica, coinvolgere un vicino o provare esperimenti fai da te, la chiave è pianificare e prendere precauzioni in anticipo. Ricorda che le piante sono esseri viventi che hanno bisogno di cure anche quando sei lontano. Quindi, rilassati e goditi la tua pausa estiva, consapevole che le tue amate piante saranno felici e in salute al tuo ritorno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close