Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2023: l’acqua al centro del dibattito

552

Ogni 16 ottobre il mondo celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, un’occasione per riflettere sull’importanza del cibo visto sotto una miriade di sfaccettature diverse. Questa giornata commemora la fondazione nel 1945 della FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa di Alimentazione e Agricoltura.

Il tema scelto per il 2023, “L’acqua è vita, l’acqua ci nutre. Non lasciare nessuno indietro”, rivela la priorità assoluta di preservare le risorse idriche della Terra, fondamentali per la vita stessa.

Il 72% del consumo di acqua nel mondo è attribuibile all’agricoltura, dato che sottolinea la cruciale relazione tra l’acqua e il cibo che consumiamo. Purtroppo, la sua disponibilità è in costante diminuzione e più di 2 miliardi di persone vivono in Paesi che soffrono di stress idrico. Non solo: si stima che la domanda aumenterà del 35% entro il 2050.

Cosa possiamo fare?

La sostenibilità alimentare richiede azioni concrete. La riduzione degli sprechi domestici, la scelta di prodotti locali e di stagione e la corretta differenziazione dei rifiuti, sono alcuni passi significativi che possiamo compiere per avere un impatto positivo sull’ambiente e sulle risorse idriche.

È fondamentale rendersi conto che anche le piccole azioni quotidiane possono avere un impatto significativo sul consumo di acqua.

Ovviamente lo stesso pensiero deve avvenire anche in larga scala ed è per questo che la Giornata Mondiale dell’Alimentazione si pone non solo come un evento di sensibilizzazione, ma anche come occasione di dibattito tra governi, enti e società a tutto tondo.

La sostenibilità alimentare non può prescindere dall’attenzione verso l’acqua, un bene prezioso per la nostra sopravvivenza. La Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2023 ci invita a riflettere sull’importanza vitale di preservare e gestire in modo responsabile le risorse idriche per garantire un futuro nutriente e sostenibile per tutti.

Immagine di copertina creata con l’AI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close