Pomelo: cos’è, perché mangiarlo e come prepararlo

807

Tanto antico quanto poco conosciuto. Il pomelo (chiamato anche pummelo o pampaleone) è considerato uno dei tre “agrumi originari”, insieme al cedro e al mandarino. Sapevi che l’arancia è un innesto di pomelo e mandarino?

La sua storia si perde – veramente! – nei meandri del tempo e sembra aver origine nel Sud-Est Asiatico, probabilmente in Malesia. Arriva in Cina attorno al 100 a.C. e da qui si espande in Giappone, nelle isole del Pacifico, in quelle dell’Atlantico e infine in tutto il mondo.

Che sapore ha il pomelo e come mangiarlo?

Anche se la sua forma ricorda quella di un limone o di un pompelmo (è però molto più grande, quasi come un melone!), il pomelo ha un sapore dolce che assomiglia molto di più all’arancia.

È fresco e profumatissimo, quindi perfetto da mangiare crudo, da solo oppure in insalata. Un esempio? Con mango e fichi oppure con gamberetti, avocado e lattuga.

Se ami i sapori esotici prova la Yam Som-o, la tradizionale insalata di pomelo thailandese con code di gambero, anacardi, misticanza e tanti altri ingredienti. Qui trovi la spiegazione della sua preparazione!

L’importante, se vuoi mangiare il pomelo fresco, è eliminare completamente la buccia, facendo particolare attenzione alla scorza bianca: si tratta infatti di una parte piuttosto amara.

Le alternative? La scorza (gialla) può essere utilizzata per preparare canditi, marmellate e infusi.

I benefici del pomelo

Come la maggior parte della frutta e della verdura, anche il pomelo è ricco di benefici per la nostra salute.

Innanzitutto, come tutti gli agrumi, è ricco di vitamina C: aiuta quindi a contrastare i radicali liberi e supporta il sistema immunitario, ad esempio per combattere i malanni invernali come il raffreddore.

Viene inoltre indicato in tante diete ipocaloriche, perché aumenta il senso di sazietà pur avendo pochissime calorie (circa 40kcal ogni 100g). Acqua, fibre e potassio aiutano inoltre a perdere peso più velocemente, perché migliorano il transito intestinale e contrastano la ritenzione idrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close