Raccolta differenziata senza stress: alcuni consigli

669

La raccolta differenziata è ormai un’abitudine consolidata in tutte le nostre case, da più di vent’anni. La ragione è piuttosto evidente: una buona gestione dei rifiuti è un gesto di rispetto verso l’ambiente che ci circonda e un contributo alla società in cui viviamo.

Le nostre città possono risparmiare acqua, elettricità e combustibili per la gestione di discariche e inceneritori, mentre i nostri scarti di tutti i giorni possono trovare nuova vita attraverso il riciclo.

Alle volte, però, fare la raccolta differenziata in casa può diventare un peso: manca lo spazio per i bidoni, non si sa dove buttare qualcosa o si formano odori. Ecco alcuni consigli utili!

Come organizzare i bidoncini della raccolta differenziata

La progettazione dell’area dedicata alla raccolta differenziata è in primis una questione di spazio a disposizione, soprattutto per plastica e vetro.

Per l’umido è consigliabile scegliere un cestino piccolo: questo ti “costringerà” a svuotarlo più spesso, prima che si formino sgradevoli odori. Dovrà essere ovviamente posizionato in cucina o – se presente – in un terrazzino adiacente.

Per plastica, carta e vetro dovrai invece dotarti di bidoni di dimensioni adeguate. Anche in questo caso dovranno trovarsi in cucina o in un ambiente adiacente: può essere (anche in questo caso) un terrazzino, una veranda o un angolo nascosto del giardino.

Le soluzioni sono molteplici: puoi scegliere più bidoncini allineati orizzontalmente o con una struttura a colonna, oppure dotarti di borse riutilizzabili con coperchio, specifiche per la raccolta differenziata. Alcune cucine includono anche dei vani dedicati nell’area sotto il lavandino, mentre in commercio sono disponibili tanti arredi specifici, per chi non ama avere i secchi della spazzatura a vista.

Per il bagno, infine, dotati di un piccolo cestino: il minimo indispensabile per i pochi rifiuti indifferenziati che produci ogni settimana.

Come evitare i cattivi odori nei cestini?

Purtroppo i rifiuti sono maleodoranti per loro natura, ma con alcune accortezze puoi limitare questo fastidio. Ecco alcuni consigli:

  • lava sempre i contenitori prima di conferirli nel corretto cestino, soprattutto se si tratta di residui come vino, latticini e sughi;
  • svuota spesso il bidone dell’umido, per evitare che il contenuto marcisca all’interno;
  • spargi un cucchiaino di bicarbonato o sale sul fondo del bidone, soprattutto dell’umido e del secco: assorbiranno in parte gli odori;
  • lava l’interno del bidone regolarmente. Un ottimo modo per prevenire i cattivi odori è l’utilizzo di una soluzione di acqua e limone;
  • evita di posizionare il cestino dell’umido in una posizione esposta al sole, soprattutto in estate;
  • scegli sacchetti della spazzatura profumati per le aree dove possono formarsi odori più persistenti, come il bagno.

Cerchi il sacchetto perfetto per ogni esigenza della tua raccolta differenziata? Nel tuo Supermercato Maxì preferito trovi tutto quello di cui hai bisogno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close